Archivio per ottobre 2008

Cool Guys: Minamimoto

Da: The World Ends With You
Vero Nome: Sho Minamimoto
Cool Quote: “You are so zetta slow!”
Pro: Ha stile nel vestire, può trasformarsi in un leone
Contro: Senza cappello è il solito mualvagioh Square

Per prima cosa occorre riconoscergli l’originalità del suo fetish distintivo, la matematica. Forse è per questo che si comporta in maniera totalmente random, rispondendo magari a qualche teorema solo a lui noto. Come tutti i Reaper adulti (adulti?!) ha un certo qual gusto estetico che lo eleva dalla massa dei protagonisti, oltre a usare un gergo più personale e decisamente più accattivante.

Cool-O-Meter: 7

[proposto da Darmani]

Diavolo d’un character designer

Quello del titolo sarebbe Kazuma Kaneko, il disegnatore storico della serie di Shin Megami Tensei e spin-off vari. È incredibile come col semplice design del protagonista riesca a renderti carismatico anche un gioco che si preannuncia tedioso quale Devil Summoner: Raidou Kuzunoha Vs. the Soulless Army. Ho deciso di procedere per quello e per il setting, e anche perché ogni tanto mi sembra di giocare un Persona 3 ambientato nell’epoca Taisho. Forse sono messa sempre peggio. O_o

I difetti che ho notato finora: ci sono gli scontri random, non si ritrova un briciolo di tattica nei combattimenti e l’IA dei demoni è inesistente, ci sono gli scontri random, è probabile che durante l’intero gioco bisognerà fare sempre la stessa cosa, ci sono gli scontri random, le investigazioni e gli enigmi si risolvono praticamente da soli, CI SONO I MALEDETTI SCONTRI RANDOM OGNI DUE PASSI ovunque si vada, anche in città dove altrimenti sarebbe bello andare a zonzo.
Pregi: l’ambientazione insuperabile, il character design (in generale), le musiche.

E settimana prossima c’è Lucca…

Da tempo ormai ho superato lo stato in cui non sono in grado di trovare una collocazione ragionevole a tutti i nuovi acquisti, eppure continuo imperterrita; né ho, chiaramente, intenzione di fermarmi nel prossimo o anche remoto futuro. Chissà quanto passerà prima che il merchandise mi cacci fuori a calci dalla stanza.
Per festeggiare l’imminente arrivo di Lucca Comics & Games (rofl), ecco gran parte di ciò che ho acquistato nelle ultime due settimane più commenti sparsi. Mancano giusto Trauma Center: New Blood e Final Fantasy IV DS, in viaggio dalla casetta in Canada (=Videogamesplus.ca).

 

Da sinistra a destra e dall’alto verso il basso:

Nijigahara Holograph, un manga piuttosto forte e di grande maturità, storia interiore oltre che esterna delle disgrazie e delle miserie di una tutt’altro che allegra combriccola di personaggi ciascuno inabile a relazionarsi con gli altri e con se stesso in modo sano. La narrazione non è lineare, e necessita una seconda lettura per raccapezzarsi appieno di quel che accade nei capitoli iniziali. Bello e consigliato, nonostante il prezzo quasi proibitivo (9,99 euro) giustificato, comunque, dall’ottima edizione.
Tokyo Style volume 3, dove la Anno procede ancora gustosamente per la sua strada presentando al tempo stesso evoluzioni nella situazione della protagonista. Non perdono la loro verve il tocco glamour e l’occhio attento a cogliere i minimi dettagli della vita quotidiana per rielaborarli e riproporli in un affresco veritiero, ancorché certe volte volutamente esagerato (ma non stiamo parlando di Manga Bomber, eh).
Tsubasa RESERVoir CHRoNiCLE numero 4 e numero 15. A tal proposito, ho tenuto in mano per almeno cinque-dieci minuti il numero 5, insicura se lo avessi già a casa o meno dato che non acquistai due dei primi volumi per saturazione da gothic-fashion-lolita uber trendy. Mi pareva di aver già visto alcune delle tavole in passato e dunque l’ho lasciato dov’era, solo per scoprire una volta tornata a casa che avevo effettivamente ricominciato a seguire la serie dal numero 6. D’oh a mille.
Proteggi la mia Terra numeri 3, 4, 5 e 6, rinvenuti in fumetteria al prezzo originale per quello che ritengo un colpo di fortuna. Non so se riuscirò mai a finire la serie, ma mi aggrada troppo per non acciuffare l’occasione non appena mi si presenta. L’unico problema di cui soffrono i primi numeri è che, come in molti altri manga dalla serializzazione a lungo corso, sono assai distanti dallo spirito che anima il successivo decollo della vicenda e pieni di vignette poco serie e parodie dei Cavalieri dello Zodiaco.

Arrivo fresco fresco di stamattina, in una scatola imperlata di rugiada e abbandonata sotto le cassette della posta:

Perfect Guide di Tales of the Abyss da Enterbrain, come si vede dall’immagine spessa almeno tre centimetri e quindi ottima come arma del delitto per Cluedo al posto dell’ormai abusato candelabro. La parte più consistente è dedicata a varie sezioni walkthrough (separate, come da tradizione giapponese, in step by step del gioco e tattiche dei boss) e a stupende sbavosissime mappe dei dungeon, ma quel che vale davvero il prezzo è l’ultima sezione, un dettagliato compendio sul mondo di Auldrant con tanto di immagini e un glossario che potrebbe essere giustificato anche solo dall’immagine di young!Jade che prende a pedate Saphir/Dist.

E poi, la chicca:

 

The Art of BioShock, ovvero un libretto con copertina cartonata contenente illustrazioni, schizzi e una selezione delle spettacolari pubblicità in-game. Giusto perché vi facciate un’idea…

 

Questo non è stato acquistato, in realtà. ❤

Cool Guys: Atrus

Da: Myst (serie)
Vero Nome: Aytrus
Cool Quote: “Ah, my friend, you’ve returned…”
Pro: Placido, affabile, quasi ultimo erede di una civiltà scomparsa e non se la tira per questo, occhialuto, onesto, SCRIVE DANNATI MONDI
Contro: Portatore contagioso di jella. Ma tanto, oh

Per quanto possano essere grandi il mio amore e la mia stima verso gli occhialuti intellettuali specie poi se scrivendo creano interi mondi (cosa che in teoria dovrebbe automaticamente far assurgere qualcuno al rango di figo con riporto di due), mi vedo costretta anche a riconoscere effettivamente che in questo caso, per “cool”, si può giusto intendere che l’aria ha rinfrescato. Tutto il mio rispetto a Sua Placidità, nondimeno, a cui mi addolora sinceramente dover attribuire il voto qui in calce.

Cool-O-Meter: 5

[proposto da crimsontriforce]

Shari’s Most Wanted [2]

Gyakuten Kenji (DS)
+ Miles Edgeworth è il mio personaggio preferito di PW.
+ In questo gioco è il protagonista.
+ In questo gioco Gumshoe è la spalla del protagonista.
+ Le meccaniche sono abbastanza diverse da renderlo uno spin-off più che degno di essere tenuto d’occhio con attenzione.
+ Gli sprite sono deliziosi.
– Il character design dei nuovi personaggi provoca brividi d’orrore, specie se affiancati a Edgeworth e Gumshoe.
– Il team che se ne occupa non c’entra nulla con quello dei primi tre giochi (tranne il disegnatore delle illustrazioni) né con quello del quinto caso di AA e del Pollo©, Takumi è completamente estraneo al progetto. I rischi per la continuità della timeline sono di conseguenza enormi e questo punto di domanda da solo potrebbe compromettere la riuscita dell’intero gioco.

Infinite Space (DS)
+ Se le promesse saranno mantenute, il respiro della storia non avrà nulla da invidiare a Star Trek (specie The Next Generation **). E in salsa anime, nientemeno.
+ Il character design del protagonista è fighissimo.
+ Ci sono delle cut scene animate e sembrano succedere cose molto interessanti.
+ Poter customizzare la struttura interna della propria nave dà l’idea di un senso di controllo e di “attaccamento” importanti per un gioco in cui l’accento è proprio sul comandare un vascello.
+ Si leggeranno montagne di testo.
– Il punto sopra potrebbe trasformarsi in un’atroce tortura se la qualità dei dialoghi non dovesse essere alta come necessario.
– Alcuni personaggi sanno un po’ di ridicolo e stonano con la compostezza del resto.

Cool Guys: Dante

Da: Devil May Cry (serie)
Vero Nome: Dante
Cool Quote: “Ok, bro. Come and get it. If you can”
Pro: L’atteggiamento, il duplice equipaggiamento spada/pistola, il cappotto di pelle rossa e i capelli argentati
Contro: Non sembra, È finto!

Quintessenza del fanservice (per uomini e donne) e del Figo Supercafone, sbruffoneggia e buffoneggia rubando la telecamera sempre e comunque per scivolare da una coreografia di battaglia all’altra con studiata perfezione e suprema strafottenza. Si spara le pose, è vero, ma con autoironia. Con troppa autoironia, da giovane.

Cool-O-Meter: 7 (versione DMC1 e 4), 6 (versione bamboccio)

[proposto da Sl88]

Game Pro 16

Whew! Devo ammetterlo, che la rivista sia tornata mensile dopo la semi pausa estiva mi rende felice ma mi coglie impreparata, dopo tre mesi passati a vedere tristemente due numeri esposti in edicola per periodi di tempo improbi. Sono orgoglioNa di Game Pro 16, non solo per la copertina nostrana (a cui tra l’altro preferisco il retro, decisamente più Inquietorama©), ma perché è stato praticamente realizzato in rush perpetuo dal primo giorno fino alla consegna. *Si asciuga il sudore* E anche i contenuti, di nuovo, sono sugosi. Abituatevi, abituatevi pure! :3

Speciali
Orrore Nero (intervista a Masachika Kawata, producer di Resident Evil 5)
Il trionfo della vita (speciale su Spore a tu per tu con Will Wright)
Nintendon’t (perché Nintendo lascia scontenti i suoi fan più affezionati? In coda: sguardo su Animal Crossing City Folk assieme al creatore della serie Katsuya Eguchi)
Al di là del bene e del male (Fable II raccontato dai vertici di Lionhead)
La battaglia della Midway (intervista a Pietro Vago, figura storica del publishing italiano, sul sodalizio con Midway)
Il paradiso ritrovato (FunSpot, la più grande sala giochi al mondo)

Anteprime
Fallout 3
Venetica
Command & Conquer: Red Alert 3
Race Pro
The Godfather II
MotorStorm Pacific Rift
Captain Rainbow
Tomb Raider Underworld
Multiwinia: Survival of the Flattest
Gridrunner +++

Recensioni
Spore
Street Fighter IV
Fatal Frame: Mask of the Lunar Eclipse
Crysis Warhead
Mercenaries 2: Inferno di fuoco
Brothers in Arms: Hell’s Highway
De Blob
Wario Land: The Shake Dimension
PixelJunk Eden
Geometry Wars: Retro Evolved 2
Stalker: Clear Sky
Infinite Undiscovery
Star Wars: Il potere della Forza
Too Human
Dragon Quest IV: Le cronache dei Prescelti
The Witcher: Enhanced Edition
Rhythm Tengoku Gold
Civilization Revolution (DS)

Time Extend
Pikmin

The Making of…
NARC


In ottemperanza al provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si informano i visitatori che questo sito utilizza i cookie per effettuare statistiche del numero di visite in via del tutto anonima. Proseguendo con navigazione si presta consenso all'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni si prega di consultare le politiche sulla privacy di Automattic.

Achtung spoiler

Sono stata avvertita dal Comitato Contro lo Spoiler Selvaggio che, se non avessi inserito questo avviso, dei ninja in tutù avrebbero visitato la mia cameretta per squartarmi con una lama da polso alla Altaïr. Ricordate dunque che, se temete spoiler, dovete stare molto attenti a leggere in depth o riflessioni personali sui miei giochi preferiti, in quanto qua e là rivelo cose importanti sulla loro storia. Se non avete giocato i titoli in questione, be very careful.

Last Game Pro issue

In progress

Gioco a:
Layton Kyoju Vs. Gyakuten Saiban (3DS), L.A. Noire (PS3)

Leggo:
Il seggio vacante, Le cronache del ghiaccio e del fuoco, Il manga

Guardo:
Recuperi cinefili vari (ultimo visto: Ralph Spaccatutto), L'ispettore Coliandro

Now Tweeting