Archivio per settembre 2009

I mondi di Lord British

Ovvero, la grande saga di un game designer che ha (creato e) nobilitato due generi grazie al suo capolavoro, i dieci capitoli di Ultima. Un bel lavorone di carattere storico-culturale che scrissi del tempo fa e che non fu mai pubblicato, ma che arriva oggi in forma rivista e corretta su Wings of Magic.it. Mi divertii molto a cercare tutta la documentazione e i retroscena sui vari episodi, così come a metterli assieme costellandoli di quote, didascalie, note di colore e indicazioni su dove reperire documenti e informazioni che possano allargare la conoscenza di questa mitica epopea, inclusa la sua importantissima deriva online. Dedicato al mio ammore FuegoDeSueño, appassionato numero uno di Ultima e Richard Garriott che mi ha fatto da consulente per la stesura dello speciale.

 

[Old game mags]PC Game Parade

Letta allora: All’età di 11 anni entrai nel mondo delle riviste videoludiche leggendola da una conoscente che l’aveva comprata e poi acquistandola a mia volta. Numero di ottobre 1993, copertina a sfondo bianco con collage e mostrone in stile Godzilla ad illustrare SimCity 2000, esaminato in 6 pagine di mega anteprima. Rimasi scioccata dall’uso della parola “tette” e dalle battute sulle corna del minotauro a base di infedeltà coniugali assortite in un box dedicato a un ormai dimenticato gioco strategico/gestionale ad ambientazione fantasy, così come dagli articoli infarciti di fatti propri dei redattori e di intraducibile humour britannico. Mi permise di conoscere di seconda mano una marea di giochi che mai ho provato causa PC scarso, formando la mia cultura videoludica ed editoriale. Ricordo d’aver cambiato a mano i voti di alcuni giochi sbianchettandoli o incollandovi sopra pezzi di carta con la cifra che mi sembrava più giusta (senza aver provato i giochi in questione, ma più per rigurgito di fanboysmo nei confronti di Wolfenstein 3-D quando ad esempio Doom prese 96/100): alternativa nonviolenta, in pratica, alle lettere vomitanti odio e fiamme infernali che allora ma anche oggi riempivano e riempiono le rubriche della posta di ogni rivista degna di essere chiamata tale.
Letta oggi: Buona giusto per il valore affettivo ed evocativo delle sue pagine, ma per il resto… boia, che traduzioni demme’. O_o

[UPDATED]Making of: Indiana Jones and the Fate of Atlantis

Sotto forma di intervista a Noah Falstein (vedi post sotto), è finalmente stata pubblicata su Wings of Magic.it la prima parte del mega-making of di questo vero e proprio caposaldo degli adventure (e contate che mi è appena venuta voglia di rigiocarci nonostante ormai lo conosca fino alla nausea): Indiana Jones and the Fate of Atlantis. Era lo speciale che sarebbe apparso su Game Pro 028, ma si tratta di una delle eredità raccolte da WOM.

E ora lo speciale giunge a compimento con la seconda parte. Enjoy!

*inserire risata maniacale qui*

 

Cioè con Colui che creò Indy and the Fate of Atlantis (che NON compare nella mia lista dei giochi preferiti, noooo), ovvero soltanto l’adventure punta e clicca Lucas che più venero in assoluto. No, Phoenix Wright non è un punta e clicca (e non è Lucas, vabbe’). Al mattino mi ha raccontato tutterrimo del gioco, il pomeriggio ha aggiunto altri dettagli in conferenza, soprattutto sulla copertina della scatola e sulle scimmie maledette del soggetto scartato, e la sera in pizzeria abbiamo tutti chiacchierato del più e del meno, di libri, di cultura e cibo giapponese e di strategici a turni da giocare pedalando alla cyclette. Noah Falstein e la moglie Judith sono persone fantastiche e ringraziando AIOMI, Gamecon e ovviamente il santissimo Visnù ho pure avuto la possibilità di sedere loro accanto al tavolo. Ecco. *_*

Adesso mi mancano solo Miyamoto, Shu Takumi e Mitsuda (nel minimo) e poi potrò riposare in pace.

A message for Mr. and Mrs. Falstein, should they ever pass by this blog: thank you from the bottom of my heart, you’re so great!! Fate of Atlantis still is my favourite Lucas adventure, and I’d like you to know that 🙂

You will be missed

Questo è un addio a Game Pro, che conclude la pubblicazione col numero 27. Fortunatamente con la copertina che avevo sognato di vedere sin dall’annuncio del gioco e che ha fatto in tempo a uscire con l’ultimo numero. Così come il Time Extend di Skies of Arcadia, che sognavo di fare praticamente dal numero 1. Era sempre un tloiaio coordinare una rivista di 128 pagine tutti i mesi e mi trovavo in crisi perenne su cosa scrivere nelle mie rubriche, ma mi mancherà raccogliere i numeri per le Hot Cakes, o tradurre le quote e gli speciali di EDGE. Mi mancherà buttarmi a pesce su Ronin e scriverlo di getto in un’oretta il sabato mattina. Mi mancheranno i Time Extend e i Making of, che hanno acculturato me per prima.

Non metterò la lista dei contenuti: sappiate solo che nelle prime pagine si trova uno speciale hands-on di Assassin’s Creed II con un’abbuffata di nuove informazioni, uno speciale su Colonia, la storia degli uomini dietro lo ZX Spectrum e il BBC Micro, un Ronin che mi ha richiesto di foderare lo stomaco di amianto prima di scriverlo e, come già detto (ma ripetere non fa mai male), la retrospettiva che desideravo fare da una vita. Venuta bene o meno, mi son tolta lo sfizio prima di salutare.

In gamba, ragazzi, e un grazie grosso come una casa a tutti coloro che hanno contribuito a rendere Game Pro quella che era. Special thanks a Metalmark, a cui devo in primis ma non solo l’inestimabile opportunità di organizzare la lavorazione della rivista come deputy editor (sarò la prima a sentire la mancanza di Borderline Cafè ç_ç), a Le(ttera)Vin(cenzo) l’indieman, che mi fregava i riassunti dei contenuti pubblicati sul blog (e che amo per questo) e a Guglielmo, che mi ha scritto fior d’articoli e di intro per le anteprime, anche se alcuni di voi lo vorrebbero orizzontale per gli spoiler su Batman: Arkham Asylum.

Vi vogghio bene assaje. 🙂


In ottemperanza al provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si informano i visitatori che questo sito utilizza i cookie per effettuare statistiche del numero di visite in via del tutto anonima. Proseguendo con navigazione si presta consenso all'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni si prega di consultare le politiche sulla privacy di Automattic.

Achtung spoiler

Sono stata avvertita dal Comitato Contro lo Spoiler Selvaggio che, se non avessi inserito questo avviso, dei ninja in tutù avrebbero visitato la mia cameretta per squartarmi con una lama da polso alla Altaïr. Ricordate dunque che, se temete spoiler, dovete stare molto attenti a leggere in depth o riflessioni personali sui miei giochi preferiti, in quanto qua e là rivelo cose importanti sulla loro storia. Se non avete giocato i titoli in questione, be very careful.

Last Game Pro issue

In progress

Gioco a:
Layton Kyoju Vs. Gyakuten Saiban (3DS), L.A. Noire (PS3)

Leggo:
Il seggio vacante, Le cronache del ghiaccio e del fuoco, Il manga

Guardo:
Recuperi cinefili vari (ultimo visto: Ralph Spaccatutto), L'ispettore Coliandro

Now Tweeting